IT EN

Luoghi da non perdere

  • Il borgo antico di Montelibretti 04/07/2013

    Montelibretti è un grazioso borgo della Sabina Romana. Il paesino nasce da un antico centro medievale circondato da mura e detiene la più estesa coltivazione di olivo di tutta la zona.

  • La Rocca Orsini Barberini a Monterotondo 02/07/2013

    Il palazzo comunale di Montertondo è ospitato nella bella Rocca Orsini Barberini. L'attuale palazzo fu completato nel 'Seicento su una preesistente rocca di antichissima costruzione, proprietà degli Orsini a partire dal 'Quattrocento.

  • Il borgo medievale di Moricone 01/07/2013

    Moricone, con le sue casette a schiera e gli stretti vicoli scoscesi è incluso nel parco dei monti Lucretil. Tutto il borgo, dominato da castello dell'XI secolo detto la Rocca, conserva un assetto medievale ancora intatto

  • Le Gole del Farfa 01/07/2013

    Nel territorio del Comune di Mompeo si estende su un area di 35 ettari, il Monumento Naturale delle Gole del Farfa. La piccola area protetta comprende un tratto molto bello del fiume Farfa, uno degli affluenti del tevere che attraversa la Sabina

  • Il Castello Savelli Torlonia di Palombara Sabina 01/07/2013

    Il Castello Savelli Torlonia domina con la sua mole l’abitato di Palombara Sabina. Il Castello, voluto dalla famiglia Savelli, era una vera roccaforte adatta a resistere agli assedi. Dall’antica rocca si snoda una galleria ancora oggi percorribile lunga ottantatre metri e dotata di molte feritoie

  • Il Santuario di San Francesco a Greccio 01/07/2013

    Il santuario francescano di Greccio appare al visitatore incassato nella roccia, come un nido d’aquila ed immerso in un rigoglioso bosco di lecci. E’ famoso in tutto il mondo per essere il luogo nel quale San Francesco, nella notte del Natale del 1223 rappresentò, con personaggi viventi, la natività.

  • Il fascino medievale del Borgo di Cottanello 01/07/2013

    Luoghi da non perdere - Il borgo di Cottanello rivela a chi lo osserva da lontano tuta la sua natura medievale, cinto com’è da mura e da torri fortificate. Chi entra nel borgo deve oltrepassare la Porta del Regno, così chiamata perché esposta a nord, in direzione del Regno di Napoli

  • ll Museo del Silenzio a Fara in Sabina 01/07/2013

    La vita quotidiana e la storia delle monache di clausura del Monastero delle Clarisse Eremite Santa Maria della Provvidenza di Fara in Sabina

  • L'Abbazia di Farfa 01/07/2013

    Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del monte Acuziano, in un'atmosfera di mistico silenzio, che avvolge anche il caratteristico Borgo che la circonda, sorge la storica Abbazia di Farfa, immersa nel fascino di una natura verdeggiante e sorridente

  • Guidonia Montecelio e le pinciarelle 29/06/2013

    Monte Celio, il borgo medievale coi suoi colli e le sue molte feste tradizionali, fra le quali si ricorda anche la Sagra delle Pinciarelle, una pasta semplice, fatta con solo acqua e farina

  • Mellaina, la Styrax officinalis del Parco dei Monti Lucretili 29/06/2013

    Il Parco Naturale Regionale dei Parco dei Monti Lucretili, fra le provincie di Roma e Rieti, un ambiente pre-appenninico dove nidifica l'aquila reale. Da dove proviene lo Styrax officinalis di cui il parco è ricco?

  • Il Santuario rupestre di San Michele 27/06/2013

    La grotta di S. Michele Arcangelo, dagli antichi culti sabini al culto cristiano

  • Le due rocche gemelle di Rocchette e Rocchettine 27/06/2013

    La vista delle due rocche gemelle di Rocchette e Rocchettine arroccate su una gola scavata nela roccia dal torrente Ala, si può considerare una delle più suggestive della Sabina

  • Ricordi Garibaldini a Mentana 27/06/2013

    Il Museo Nazionale della campagna dell'Agro Romano per la liberazione di Roma del 1867 a Mentana

  • Il Museo dell'Olio d'Oliva a Castelnuovo di Farfa 26/06/2013

    Castelnuovo di Farfa è sede del Museo dell'Olio della Sabina, un luogo veramente unico nel panorama internazionale

  • L'olivone della Sabina 26/06/2013

    Luoghi da non perdere - l'olivo millenario di Canneto Sabino. Un gigante che veglia sulla Sabina da oltre 2000 anni